La differenza tra un buon mixaggio e un grande mixaggio

Questo post, fa parte di un nuovo progetto che ci permette di condividere, in lingua italiana, alcuni interessanti trucchi di homerecording tratti da dei video tutorial dell’estero.

Infatti noi di Scuolasuono non ci limitiamo ad offrirti anche il primo corso di homerecording in italiano, ma cerchiamo di proporti anche il meglio che il web internazionale ci offre..

Sono convinto che anche questa trascrizione e traduzione possa piacerti come è piaciuta a me, parla de:

La differenza tra un buon mixaggio e un grande mixaggio

In cui scoprirai come arrangiare con l’equalizzatore ed ottenere un mix musicale. E’ un approccio che ho trovato molto interessante ed applicabile a molti contesti

Ok ragazzi, oggi ho una traccia, una davvero interessante.

Stiamo fondamentalmente scavando nel processo di ciò che separa il buon mixaggio dal grande mixaggio.

Il grande mixaggio è musicale, la buona musica è tecnica, ed entrambi sono importanti.

Tecnica significa ottenere i bilanciamenti giusti, ottenere le immagini giuste, fare in modo che la cosa colpisca, fargli fare esattamente ciò che vuoi che facciano.

La musicalità è seguire il suono della musica, capire cosa c’è, migliorando o trasformando le cose che non sono musicali.

Quindi, diamo un piccolo ascolto a questa traccia che ho giusto qui. [music – 0:54]

Ha un bell’aspetto boom-bap, break beat, mi piace. Ad ogni modo me ne sono accorto in preascolto e, anche se ha già tutto ed è tecnicamente corretta, sento che potrebbe essere resa un po’ più interessante e più eccitante.

Quindi, esco da questo passaggio e la riproduco di nuovo. [Musica – 1:25] Vado a capovolgerla e farla uscire proprio così, solo per farti sentire la differenza, perché è sottile. [Musica – 1:43]. Giusto, improvvisamente prende vita e in un modo molto più musicale.

Bene, quello che sto facendo è che sto migliorando l’idea del fraseggio, il “Bump-ba-do-ba-do-ba-dump-ba-do-ba-do-ba-di-bi-di-bidump”.

Questa è la frase e quindi ci sono componenti in questa frase. Quando analizziamo il campione [music – 2:15] abbiamo questo hit di brass band che attacca sui ritmi bassi e poi abbiamo un assolo, beh sembra un sax alto, che entra e fa quel “Do-do-do-do / do- do-do-do-da-dump”, la linea guida in pratica.

Volevo migliorare ancora di più quella dinamica, quindi quello che ho fatto è stato prendere un equalizzatore: l’ho impostato in modo tale che mentre suona sia automatizzato. [musica 02: 42-2: 48]

Sulle note basse ho questo 870 hertz alzato di oltre sei decibel, questo è quel “doump” che sta venendo fuori. Quindi, ogni volta che suona il basso, esce l’80 hertz.

Ora, quando si passa alla linea principale qui, ho trovato il timbro del sax contralto, il tono che ha fatto scattare il sax alto e, mentre il sax contralto sta suonando quella linea principale, l’ho amplificato quasi 5 dB.

Questi sono aumenti abbastanza drammatici, ma poiché stanno entrando e uscendo, non sono costanti e puoi farla franca un po’ più a lungo.

Quindi, ora è più di 80 hertz sul down beat, più, cosa, K sulle linee guida e si cambia avanti e indietro, quindi non solo stiamo migliorando quel fraseggio, ma stiamo anche creando un contrasto tonale, che rende l’intera cosa molto più interessante.

Ad ogni modo, la lezione da trarre da tutto questo è che, quando costruisci la tua musica e fai il tuo mixaggio, pensa in termini di musicalità, pensa: “Quali sono le dinamiche del disco e come posso farlo”.

Va bene ragazzi, alla prossima volta ..

la differenza tra uno che si arrangia ed uno che la sa lunga..

Il Web mondiale è pieno di video molto interessanti su Youtube e sono felice di condividerli e di renderteli fruibili in italiano… ma c’è un “ma”..

il punto è che per quanto fichi questi video svelano solo un pezzo di un puzzle che richiede uno sguardo completo.. Voglio dire che sul web trovi di tutto..

-a parte anche certi video bufale fatti da presunti professionisti che credono di esserlo ma sanno solo accendere una webcam e sparare la prima cosa che pensano di sapere creando dei danni-..

..ma anche ammesso e non concesso, che sei fortunato e riesci a vedere solo video fatti bene, il problema è che non riesci a farti un quadro completo dalla “a” alla ” “z” e alla fine vai gironzolando per il web mettendo una pezza di qua ed una di la ai tuoi mix ma alla fine non riesci a cavare un ragno dal buco.

Io continuavo a fare (applicando trucchi nuovi) e disfare (applicandoli di sbagliati), perdendo ore su ore.

Solo un corso professionale può farti fare quello scatto in avanti.. farei un cattivo servizio a non ricordartelo..

La soluzione “definitiva” per sentire i tuoi mix come quello dei dischi che ami, rimane una sola: fare un vero corso di homerecording che ti permetterà di ottenere risultati professionali in digitale da casa!

clicca su Recording Turbo System per iniziare il corso gratis

Area degli allegati: https://www.youtube.com/watch?v=POlmYJ4PKrA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scuolasuono - © Copyright - tutti i diritti riservati
FRANCESCO NANO s.p - Opatje Selo 21 5291 Miren SL
Reg: 6861270 - Cod. fiscale: 80184944