Ed eccoci qui a parlare di Corsi per Tecnici del Suono.

Nella mia carriera di sound engineer ho frequentato molte scuole o corsi per prepararmi all’argomento. Personalmente, non penso che seguire un unica scuola per fonico sia una scelta vincente: esistono molti approcci all’audio e, in maniera stupefacente, alcune metodologie che in apparenza sembrano opposte, portano a risultati professionali simili. E’ dunque bene che l’allievo che si prepara a diventare un tecnico audio professionista, non si faccia condizionare dalla scelta di un solo docente, quanto conduca un percorso di studi in autonomia che lo porti a conoscere svariati tecnici del suono, metodologie didattiche, approcci lavorativi, errori, carriere e personalità.

Si sa: le basi teoriche si possono apprendere nei corsi home recording o anche nei libri, ma la vera professionalità del fonico si sviluppa quando l’allievo viene messo in contatto con diversi professionisti audio, ne studia i loro movimenti, cerca di rubare con gli occhi quanto più possibile il mestiere della produzione musicale e, nel tempo si crea una propria professionalità artistica personale. Come si diceva, ad ognuno il suo corso di fonia (in un certo periodo della vita). Io, ad esempio, ho frequentato in prima battuta un Corso per Tecnico del Suono a Bologna (AccademiaDelCinema) con Alessandro Scala ed in un secondo momento l’APM di Saluzzo con Marco Canavese e Marco Loggia.

AccademiaDelCinema

AccademiaDelCinema

Nel frattempo ho frequentato altri seminari e workshop di fonia, ma personalmente non mi sono mai ritrovato d’accordo con l’idea di frequentare 2 anni di SAE a Milano, SAE a Londra o chissà dove, per vari motivi, primo tra tutti il costo e la scomodità. Il vero professionista audio, dal mio punto di vista, non è quello che per 2 anni frequenta una scuola professionale di fonico, ma è colui che continua ad imparare giorno dopo giorno, sia approfondendo la teoria che con la pratica del recording.

Certo, delle lezioni di homerecording ben strutturate, che partano dalle basi, e spiegate da un corpo docente preparato e coinvolto, permettono di ottenere risultati audio migliori in minor tempo e, comunque, ti aiutano ad essere preparato nelle situazioni più difficili e tecnicamente critiche (altrimenti detti: problemi – si salvi chi può! ). D’altra parte però, quando per frequentare le lezioni teoriche di fonia si è costretti ad un sacco di spese di viaggio, a prendersi delle ferie dal proprio lavoro, o a lunghe ricerche di parcheggio, dal mio punto di vista c’è qualcosa che non va. E non va, non perché l’interazione umana con il fonico sia di importanza relativa, ma perché ormai, su internet, esistono tutte le spiegazioni teoriche e teorico pratiche di cui un aspirante sound engineer che vuole guadagnare con il lavoro di fonico necessiti. Il vero problema di oggi è che ci sono troppi videotutorial sull’argomento e che, in realtà, non si è mai certi della professionalità del loro creatore a meno che non si abbiano già delle solide basi teorico e pratiche, in quel caso youtube diventa un prezioso alleato.

Ma qui siamo di fronte al cane che si morde la coda: come si fa ad avere un’adeguata preparazione tecnica e teorica per poter sfruttare tutto il materiale gratuito messo a disposizione su youtube senza spese di viaggio, code per trovare parcheggio o ferie da perdere per frequentare un corso? Sono proprio queste le domande che mi hanno spinto, negli anni, a creare Recording Turbo System, il corso professionale per tecnico del suono online di http://www.scuolasuono.it. Con le nostre lezioni di Home Recording online l’aspirante tecnico audio è in grado, in breve tempo di ricevere una formazione in campo audio di assoluta qualità, comodamente dal divano di casa propria e spendendo molto meno che frequentando scuole per fonici a Roma, corsi per fonici a Milano o in qualsiasi altra parte del globo.

Grazie a questo corso homerecording online infatti l’allievo, in poco tempo, è autonomo sia a livello teorico che pratico nella produzione di audio di qualità ultraprofessionale e, non solo, è in grado di far leva sui contenuti di youtube (gratuiti) per continuare a formarsi negli anni, senza più il bisogno di investire denaro ma, allo stesso tempo, senza perdere tempo su tutorial non professionali perché ormai ha i mezzi per distinguere un buon video sull’home recording da un video didattico di un docente mediocre. Questo, specialmente in virtù del fatto che le lezioni di Recording Turbo System sono tenute da docenti competenti, le spiegazioni sono semplici da seguire ed i consigli sono una sorta di step by step per ottenere i risultati desiderati (tarare il proprio home studio, scegliere le attrezzature migliori, risparmiare soldi nell’acquisto di strumentazione, ecc..).

Ma allora, ci si potrebbe chiedere, perché se tutta la tecnica audio è già spiegata nei tutorial su Youtube devo iscrivermi ad un corso online per ingegnere audio?

La risposta è semplice. L’aspirante sound engineer non è in grado di capire la qualità di una lezione per fonico finchè non ha già raggiunto un certo grado di autonomia, dunque, sebbene su internet ci sia, teoricamente, tutto il necessario per imparare la professione del tecnico del suono (così come qualsiasi altra professione), il mastering, il mixing, il tracking, l’acustica, l’elettronica e tutto quello che serve ad un fonico per lavorare, in realtà non esiste un indice dei contenuti di qualità di questi video e, nella stessa pagina, si possono trovare tutorial di home recording professionali affianco a lezioni scadenti. Recording Turbo System ti offre la possibilità di diventare un tecnico audio e di guadagnare una paga da fonico studiando a casa tua.

Un’ultima domanda potrebbe venire dal lettore: come faccio a diventare ingegnere del suono con un corso da casa, senza mettere in pratica in uno studio di registrazione le lezioni acquisite?

La domanda è ottima e necessita di una spiegazione altrettanto buona: non si può!

Non esiste un allievo che abbia frequentato una qualsiasi delle scuole per ingegnere del suono esistenti e che sia poi diventato poi un professionista affermato senza mettere in pratica le nozioni apprese. E’ sempre necessaria la pratica, ma la vera domanda è: sei sicuro che nei corsi offline per fonico (Roma, Milano, Londra, New York) l’allievo faccia veramente pratica e gli spieghino davvero come lavorare in uno studio di registrazione? Certo, ci sono molte strutture che offrono dei bei banchi mixer da provare, microfoni sontuosi, software di recording all’avanguardia, ma l’utilizzo avviene in una struttura, per così dire, “protetta” dove l’allievo non è realmente libero di sbagliare. Sono gli errori che ci fanno diventare dei fonici migliori, e gli errori si fanno solo quando si pratica in solitaria, senza avere il fiato sul collo del docente di turno o del custode della Regia A.

Dunque, in definitiva, dal momento che non è più possibile stare alle spalle di un vecchio fonico a rubarne i trucchi con l’occhio (perché ormai gli studi di registrazione commerciali non esistono praticamente più ma si sono trasformati in strutture private) la strada, l’unica vera via per diventare un ingegnere audio professionista è:

1) Seguire le lezioni di Recording Turbo System

2) Investire quello che si è risparmiato dall’iscrizione ad uno dei corsi Tecnico del suono (offline) in attrezzatura personale

3) Iniziare a registrare musicisti, band e concerti gratuitamente

4) Crearsi una base clienti che ci conoscano per le nostre reali competenze audio

5) Iniziare ad alzare i prezzi gradualmente

6) Quando l’agenda mensile è piena alzare ulteriormente i prezzi per iniziare a svuotarla un pò senza perdere incassi.

Con la speranza che queste poche ricche di riflessione su come diventare un TECNICO DEL SUONO professionale ti siano state d’aiuto, ti saluto e ti invito a registrarti gratuitamente al periodo di prova del nostro corso di home recording online in Scuolasuono.it .

A presto! Francesco Nano